Marrai a Fura, sviluppo sostenibile e progettazione partecipata

Leggero ma resistente: è il seggiolone di cartone.
Per famiglie neo-nomadi ed eco-sostenibili

Nell’ersediolone3a del neo-nomadismo l’autocostruzione dei mobili in cartone si configura come strategia irrinunciabile per la mobilità fisica e culturale degli individui.

In questo contesto ci appare molto interessante la proposta di un seggiolone per bambini interamente realizzato in cartone ondulato dall’australiano Anthony Dan per Paper Tiger Products.

L’idea è quella di un oggetto facilmente trasportabile, ecologico, realizzabile con materiale riciclato, a sua volta riciclabile (e comunque biodegradabile), economico, pieghevole ma contemporaneamente sufficientemente rigido da sostenere il peso di un bambino.

Il progettista è riuscito a combinare le peculiarità del cartone in un design semplice e solido, pensato per essere ripiegato fino a divenire un piccolo pacco bidimensionale da portare in viaggio senza fatica.

Inoltre la neutralità cromatica del cartone consente l’applicazione di qualsiasi tipo di decorazione personalizzata.

Il progetto ha ricevuto molti riconoscimenti per la sostenibilità del design e in particolare il “2007 Pad award for sustainability“.

Da sottolineare anche che la manifattura avviene presso il luogo di distribuzione, secondo una precisa scelta aziendale di tipo sociale e ambientale.

Forse molte mamme immagineranno già il seggiolone decorato da innumerevoli macchie di sugo… ma non allarmatevi! È un oggetto effimero, non ha la pretesa di durare in eterno, così come non dura molto la fase del seggiolone nella vita di un bambino.

E poi una soluzione c’é: rotto un seggiolone se ne fa un altro!

sediolone1

sediolone2

Fonte: atelier29.blogspot.com
Pubblicazione: 05/02/2010 – Ultimo aggiornamento: 05/02/2010

Bookmark and Share

“Leggero ma resistente: è il seggiolone di cartone.
Per famiglie neo-nomadi ed eco-sostenibili”
5 commenti :

  1. Raffaella ha detto:

    Molto bello anche se nient’affatto ecosostenibile, infatti l’azienda è australiana percui non proprio km0… meglio puntare su un bello, solido ed eterno seggiolone Stokke (anche questo non km0) ma almeno è eterno trasformandosi in sedia!

    : )

  2. Emanuela – redazione Marraiafura ha detto:

    Hai perfettamente ragione Raffaella!
    Infatti noi pensiamo che questo tipo di progetti dovrebbero stimolare l’autoproduzione da parte dell’utente o la commercializzazione locale di prodotti con una filosofia simile. Non a caso molti corsi universitari di Disegno Industriale stanno lavorando proprio sul tema dell’arredo di cartone. Oggi è un’esigenza sempre più sentita.

    Chiaramente un sediolone Stokke ha tutt’altra filosofia poiché accompagna la crescita del bambino fino a diventare una sedia per adulti ma i materiali e le tecniche di costruzione sono molto più onerosi. Un sediolone di cartone si può portare in vacanza, ha un ingombro minimo e prezzi senz’altro più contenuti: può essere alternativo al sediolone Stokke ma può anche essere quello da portare in giro o da usare in casi di emergenza lasciando quello di legno a casa.
    :-)

  3. Maddalena ha detto:

    I mobili di cartone sono leggeri, belli, funzionali e originali si possono realizzare con poco sforzo ^^
    Questo ci permette di avere mobili unici ed originali per info visita il sito http://www.mobilidicartone.it iscriviti e partecipa alla community ^_- troverai tutti le informazioni per costruire un mobile in cartone in modo semplice, economico e tanto divertente…
    vi aspetto
    Maddalena

  4. Emanuela – redazione Marraiafura ha detto:

    Grazie per la segnalazione, Maddalena. Il cartone continua sempre a stupirmi!

  5. Emma ha detto:

    Per l’Italia ho visto che si potrà acquistare sul sito http://www.ecogiocando.com che ha anche altri giochi in cartone molto carini:)

Scrivi un commento

*

Segui i commenti a questo articolo con RSS 2.0.