Marrai a Fura, sviluppo sostenibile e progettazione partecipata

Meat is murder!
Morrissey rende vegetariano il Festival di Lokerse.

the-smiths-meat-is-murderMorrissey, indimenticato cantante degli Smiths, icona di un’intera generazione e divo planetario a metà degli anni Ottanta, da vegetariano convinto qual è,  si è sempre contraddistinto per il suo attivismo per quanto concerne i diritti degli animali. Ma questa volta l’ha fatta davvero grossa, state a sentire! Il cantante ha infatti persuaso gli organizzatori del Lokerse Feesten in Belgio ad abbracciare per un giorno i suoi ideali, rendendo l’intero festival vegetariano per un giorno (quello in cui appunto si esibirà).

Il 4 agosto per festeggiare l’arrivo del famoso attivista, il festival musicale belga diventerà vegetariano per 24 ore. Verrà infatti vietata ogni tipo di carne nelle bancarelle di prodotti alimentari all’interno dell’area del festival.
Gli organizzatori del festival, che da tempo sognavano di ingaggiare Morrissey, affermano non senza un pizzico di ironia: “Per molti mesi abbiamo lavorato per averlo, per settimane abbiamo aspettato per una risposta, passando molte notti insonni”. Alla fine, il cantante ex Smiths ha firmato l’accordo, ma ad una condizione: il giorno della sua esibizione, il festival sarà senza carne. Gli organizzatori l’hanno definito “uno speciale catering di benvenuto”.

MorrisseyIl risultato sarà quindi l’imposizione di una “pausa salutare” al festival, con gli organizzatori che stanno pianificando una vasta gamma di piatti vegetariani. Stop a salumi di carne di cavallo, hot dog e lumache! Gli spettatori del festival potranno godere di insalate, peperoni arrosto e hamburger di soia. Gli organizzatori mettono comunque le mani avanti, avvertendo che le bancarelle di prodotti alimentari al di fuori del recinto del festival non saranno tenute ad osservare il draconiano editto anti-carne, e offriranno i loro prodotti, come al solito.

Vegetariano da quando aveva 11 anni, Morrissey è da sempre un convinto sostenitore delle cause animaliste. Ha boicottato il Canada a causa della caccia alle foche che usualmente si svolge in quel  paese e abbandonò bruscamente il palco al Coachella Festival nel 2009, lamentandosi per il profumo di carne alla brace che arrivava fino a lui. “Sento odore di carne bruciata“, disse alla folla in quella occasione, concludendo lapidario: “Spero tanto che sia carne umana! “.

the-smiths-meat-is-murderLunga vita al grande Morrissey!

Fonte: The Guardian
Pubblicazione: 10/07/2011 – Ultimo aggiornamento: 10/07/2011

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

Bookmark and Share

Scrivi un commento

*

Segui i commenti a questo articolo con RSS 2.0.