Marrai a Fura, sviluppo sostenibile e progettazione partecipata

Moss Graffiti. I graffiti ecologici che nascono e crescono sui muri

I Moss Graffiti sono graffiti sui muri creati con del muschio. Ne abbiamo parlato tempo fa condividendo con voi una breve guida alla loro realizzazione.

moss-graffiti

Anna Garforth, una designer londinese, ha creato graffiti di muschio sui muri della sua città, Londra. I luoghi e le superfici scelte non sono state dettate dal caso ma sono diventate tali perchè abbandonate o fatiscenti, un modo per denunciare la necessità del loro recupero.

Anna Garforth ha inziato la sua campagna di street guerrilla gardenind nel 2008, quando i suoi graffiti di muschio sono comparsi sui muri della città trasformandoli in piccoli giardini verticali.

anna-graffiti

L’azione di street guerrilla gardening è diventata in poco tempo virale ed in molti sono andati alla ricerca delle opere di muschio per le strade di Londra.

L’arte dei graffiti ecologici è una passione diffusa e tra i guerriglieri verdi che la portano avanti c’è anche il collettivo Mosstika Urban Greenery che opera a New York. Un gruppo di artisti di strada col pallino per l’ecologia che ha come obiettivo la diffusione del verde in tutti gli spazi pubblici per educare i cittadini alla cura delle aree condivise con la stessa attenzione che metterebbero nei loro cortili privati, se potessero coltivarci un orto.

dear_coney-island-brooklyn-2008

wild-board_20091

Far nascere del verde nei luoghi più inaspettati è una missione educativa, i graffiti di muschio che Mosstika ha realizzato per le strade di New York vogliono colpire i passanti e far capire loro che vivere in uno spazio pubblico più verde e curato dovrebbe essere un diritto di tutti.

moss_rabbit-brooklyn-2009

metromoss-2008

bear-2014

Info:

Fonte: annagarforth.co.uk e mosstika.com
Pubblicazione: 04/12/2014 – Ultimo aggiornamento: 04/12/2014

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

Bookmark and Share

Scrivi un commento

*

Segui i commenti a questo articolo con RSS 2.0.