Marrai a Fura, sviluppo sostenibile e progettazione partecipata

Muschio e un po’ di fantasia.
Fate largo ai graffiti ecologici!

Cari amici di Marraiafura, oggi ecco una semplice guida per realizzare splendidi graffiti ecologici! Con un poco di fantasia e pochi ingredienti potrete abbellire il mondo che vi circonda con le vostre creazioni verdi, veri e propri graffiti viventi che cresceranno e abbelliranno il grigiore delle città, portando un pizzico di primavera!

Siete pronti a cominciare? Ok, vamos!

Occorrente:

Ingredienti Graffiti Viventi di Marraiafura

Un po’ di muschio
Frullatore
Un po’ di gel per idrocoltura
Latticello (un sottoprodotto della trasformazione in burro della panna. Ecco come produrlo in modo semplice!)
Un secchio
Un pennello largo / spatola
Un vaporizzatore

Bene, ora potete seguire queste indicazioni e creare i vostri capolavori!

00

01

02

03

04

05

06

07

I risultati di questo procedimento possono essere davvero sorprendenti e spettacolari, tutto dipende dalla vostra fantasia.

moss_graffiti_clip_image002

mossgraffiti_5

moss1

Questi sono solo alcuni esempi di graffiti verdi, voi provate a fare i vostri e – se volete – inviateci le foto delle vostre creazioni, direttamente sulla pagina Facebook di Marraiafura!

Fonte: popularmechanics.com | More Show Me How
Pubblicazione: 09/03/2012 – Ultimo aggiornamento: 09/03/2012

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

Bookmark and Share

Muschio e un po’ di fantasia.
Fate largo ai graffiti ecologici!”
7 commenti :

  1. irene ha detto:

    ma è fantastico!!!

  2. Sara Florian ha detto:

    Un’idea veramente fantastica!!

  3. katto ha detto:

    non c’è un alternativa vegan al latticello? vorrei provarci.

  4. anna maria ha detto:

    scusate…. dove si può acquistare il muschio, in questa stagione? grazie …

  5. Anto H. ha detto:

    Puoi usare latticello di soia!!! :D

  6. Giuseppe ha detto:

    Comprare il muschio?
    Ma ne cresce in abbondanza in tanti luoghi! È vero che non si dovrebbe prelevare, ma non lo stai distruggendo, impieghi una specie locale e ne favorisci la diffusione. E se lo prendi da qualche rudere probabilmente lo stai salvando.

Scrivi un commento

*

Segui i commenti a questo articolo con RSS 2.0.