Marrai a Fura, sviluppo sostenibile e progettazione partecipata

Ogni spazio è giocabile! A Sassari i bambini si riappropriano della città con i loro corpi

0 extrapedestriI monelli sassaresi del Fronte di Liberazione dei Pizzinni Pizzoni (FLPP) ne hanno combinato un’altra delle loro! Giovedì 14 maggio con i loro piccoli ma consapevoli corpi hanno pacificamente occupato alcuni spazi abusati o inutilizzati attorno alla loro scuola.

L’azione è la risposta dei bambini del FLPP alla sfida degli ExtraPedestri, i simpatici alieni che da qualche mese stanno spronando i sassaresi a riflettere sulla mobilità cittadina.

Questa la sfida lanciata ai bambini: realizzare nel quartiere di San Donato (dove si trova la loro scuola) un evento urbano che avesse loro stessi come protagonisti e che fosse ispirato al gioco del Tetris.

La risposta non si è fatta attendere: con la complicità di Tamalacà e Theatre en Vol hanno riconquistato parcheggi, alberi, porte, finestre e piazzette nelle strade attorno alla loro scuola, eccezionalmente chiuse al traffico.

Come l’artista austriaco Willi Dorner con i suoi “Bodies in urban spaces” riempie anfratti e spazi urbani con le persone e i loro corpi, così i bambini e le bambine di San Donato si sono rimpossessati di alcuni spazi della loro città. Dimostrando, con la forza e il garbo dei loro “Micro bodies in micro urban spaces”, che una città giocabile è possibile. Basta volerlo!

Ecco alcune spettacolari foto!
(per maggiori info e foto visitate il sito extrapedestri.it)

1 extrapedestri
Micro bodies in micro urban spaces, 15-05-2015

3 extrapedestri
Spazi a misura di bambino

8 extrapedestri
Se fossimo una macchina avremmo diritto a questo spazio

4 extrapedestri
Architettura organica

2 extrapedestri
Siete i benvenuti a San Donato

5 extrapedestri
Bambina vitruviana

7 extrapedestri
Ogni spazio è giocabile

6 extrapedestri
Noi ascoltiamo, ascoltateci

Fonte: comunicato
Pubblicazione: 26/05/2015 – Ultimo aggiornamento: 26/05/2015

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

Bookmark and Share

Scrivi un commento

*

Segui i commenti a questo articolo con RSS 2.0.